Conferenza Stampa “Razzisti? Una brutta razza”

mercoledì 15th, aprile 2015 / 12:53 Written by
Conferenza Stampa “Razzisti? Una brutta razza”

Catanzaro, 14 aprile 2015

CONFERENZA STAMPA CON FIONA MAY PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “RAZZISTI? UNA BRUTTA RAZZA”
Fiona May: “Dobbiamo essere una squadra per lanciare un messaggio di uguaglianza capace di raggiungere tutti i giovani italiani”

L’esperienza sportiva ma soprattutto di vita di Fiona May a disposizione dei giovani per sensibilizzare le coscienze a un atteggiamento antirazzista, perché “siamo tutti uguali e non ci sono differenze”, ha detto la campionessa di atletica leggera, scelta dalla F.I.G.C. come coordinatrice della Commissione Antirazzismo, nel corso della conferenza stampa tenutasi questa mattina nella sala convegni del Comitato Regionale Calabria F.I.G.C. Lega Nazionale Dilettanti, a Catanzaro, per presentare ai giornalisti il progetto “Razzisti? Una brutta razza (…e non li vogliamo allo stadio!)”, promosso dalla suddetta Commissione istituita dalla Federazione per la lotta al razzismo.

Arrivare ai giovani delle scuole calcio per parlare con loro di integrazione e di uguaglianza nell’ambito sportivo e in particolare del calcio, usando il loro linguaggio schietto e moderno, è l’obiettivo principale del progetto che è stato illustrato in conferenza dal presidente del C.R. Calabria L.N.D., Saverio Mirarchi: “Quello di venerdì sarà un vero e proprio spettacolo rivolto ai ragazzi di 13-14 anni delle scuole calcio del territorio che partecipano ai campionati Allievi e Giovanissimi. Pensiamo che loro possano essere i migliori destinatari del messaggio che intende lanciare con questa iniziativa la F.I.G.C.”. Al talk show ideato e condotto da Antonello Piroso, che si terrà venerdì 17 aprile, alle ore 15, nell’auditorium “Aldo Casalinuovo” a Catanzaro, come ha spiegato Mirarchi, prenderanno parte oltre che Fiona May, il Commissario Tecnico della Nazionale Antonio Conte, il presidente del Settore Giovanile e Scolastico F.I.G.C. Vito Tisci, i giocatori dell’US Catanzaro Domenico Giampà e David Yeboah, il medico e scrittore Kossi Komla-Ebrì e una delegazione della Koa Bosco. La squadra rosarnese, composta da immigrati con l’apposito scopo di integrare socialmente questi giovani attraverso il calcio, che partecipa con buoni risultati al campionato di Terza Categoria, sarà l’esempio tangibile di un’integrazione sociale possibile e reale. A cui intende tendere la Federcalcio capitanata da Carlo Tavecchio, che ha fortemente voluto Fiona May alla guida della Commissione appositamente costituita. Il messaggio antirazzista della F.I.G.C. vuole raggiungere i ragazzi appassionati di calcio di tutta Italia. E’ per questo che sono previste venti tappe del progetto. Ogni mese ci si sposterà in una regione diversa. E ora, dopo la Toscana e il Piemonte, tocca alla Calabria. “Ringrazio il presidente Tavecchio per avere scelto Catanzaro come prima tappa al Sud. Ringrazio anche l’amministrazione comunale che in ogni iniziativa ci è sempre vicina”, ha dichiarato in conferenza il numero uno della L.N.D. calabrese, che non poteva poi non esprimere i suoi ringraziamenti anche al vice presidente vicario L.N.D. Nino Cosentino, “perché senza di lui, senza il suo impegno, non ospiteremmo eventi importanti come questo”, ha aggiunto Mirachi. L’assessore comunale allo Sport e delegato provinciale C.O.N.I. di Catanzaro, Antonio Sgromo, intervenuto in rappresentanza del sindaco Sergio Abramo, impegnato per motivi istituzionali, da parte sua ha anche ringraziato tutti i presenti, dicendosi molto contento della scelta di Catanzaro come terza tappa dell’evento. Una città capoluogo della Calabria che spesso viene dimenticata. “L’amministrazione è orgogliosa di ospitare questo importante progetto con una coordinatrice come Fiona May, un’icona dello sport, per di più membro della Giunta nazionale C.O.N.I., che non può non essere apprezzato da chi fa sport”. Presente anche Piero Lo Guzzo, coordinatore del Settore Giovanile e Scolastico Calabria F.I.G.C., il quale ha ribadito: “Ognuno di noi cerca di portare avanti al meglio il proprio impegno ed è un dovere pensare ai ragazzi, cercare di eliminare alcune devianze che stanno nella mente di alcuni. Giovanni Paolo II ha detto che il mondo ha bisogno di testimoni. E noi abbiamo qui una testimone di integrazione di lealtà come la May”.

Il vice presidente della L.N.D. ha elencato i punti cardine su cui intende lavorare la Commissione della F.I.G.C.: integrazione, lotta al razzismo e fair play. Ritornando al progetto, Cosentino, ha affermato: “Di certo i ragazzi dei settori giovanili saranno soddisfatti di conoscere e potere parlare, confrontarsi con un’icona come la May. Questi dovranno essere tutti presenti allo spettacolo, se è possibile, insieme ai loro genitori”. Poi, ha concluso rammentando che ciò che importa alla Federazione è diffondere l’importanza dell’associazionismo e dei valori della vita.

L’ultima parola è spettata all’ex atleta, che si è definita, al di là delle plurime indimenticabili vittorie nel campo dell’atletica leggera, una ragazza normale. “Ho accettato di buon grado l’invito del presidente Tavecchio a coordinare la commissione antirazzismo”, ha detto la May, che ha continuato spiegando l’obiettivo della Federazione: lanciare un messaggio capace di raggiungere tutti i giovani italiani che sono il nostro futuro. “Bisogna parlare con loro, usando il loro linguaggio, cercare di capire il loro pensiero, capire cosa intendono per diversità anche perché questo è un concetto che da piccoli non gli appartiene e poi si forma nelle loro menti crescendo. Dobbiamo eliminare ciò”, ha detto la coordinatrice del progetto. Che ha esortato a formare una squadra, fra Federazioni, Comuni, giornalisti, per diffondere un messaggio profondo che riesca ad incidere sulle coscienze. “Abbiamo tutti le stesse passioni. Vogliamo fare vedere che siamo tutti uguali, che non ci sono differenze. L’unica differenza è nei colori delle maglie. Nello sport si vince e si perde. Ma siamo tutti uguali. Bisogna rispettare il prossimo”. E la May ha anche accennato a un doveroso cambiamento di alcune leggi. L’Italia è indietro di vent’anni rispetto all’Inghilterra, Paese d’origine dell’ex atleta. Il mondo sta cambiando. L’Italia deve cambiare, deve adeguarsi ai cambiamenti. E per questo ci vogliono determinazione e coraggio. Non bastano le parole, ma è necessaria l’azione. Bisogna fare qualcosa di più specifico. E allora, ecco il perché del progetto “Razzisti? Una brutta razza”.

 

Ufficio Stampa L.N.D. – Comitato Regionale Calabria

Power by

Download Free AZ | Free Wordpress Themes