Taverna, appello di Don Giuseppe e di patron Parrottino

mercoledì 13th, maggio 2015 / 11:26 Written by
Taverna, appello di Don Giuseppe e di patron Parrottino

APPELLO DEL PADRE SPIRITUALE DON GIUSEPPE COSENTINO E DEL PRESIDENTE GIANCARLO PARROTTINO PER LA GARA TRA TAVERNA E SILANA VALEVOLE PER UN POSTO NEL PROSSIMO CAMPIONATO DI PROMOZIONE.

Don Giuseppe Cosentino parroco della comunità di Sellia Marina, cittadino di Taverna, padre spirituale e tifoso della squadra biancorossa presilana ha rivolto un appello ai tifosi e alle società in vista dell’incontro in programma domenica 17 maggio al “Pino Donato” di Taverna tra l’A.S.D. Taverna e la Silana, valevole per conquistare un posto in Promozione calabrese, perché la partita sia “una vera festa dello sport, all’insegna di quel fair-play che le prime della classe devono sempre dimostrare, in campo e fuori”. Le due squadre, ha detto il parroco, “sono chiamate ad onorare sul rettangolo di gioco la loro supremazia, dimostrando concretamente che il calcio è e deve continuare ad essere un momento di sano divertimento”.
Don Giuseppe del resto si dice sicuro che la giornata sportiva confermerà “la piena maturità dei tifosi e delle squadre”, e ricorda che “lo sport deve essere veicolo di socializzazione e benessere”. Ha poi continuato il suo discorso affermando: “La presenza di numerosi tifosi tavernesi al “Pino Donato” ogni domenica, la serietà della società presilana ed il fatto che a Taverna non è successo mai nulla di grave, lascia presagire che domenica vincerà lo sport vissuto con spirito di squadra, lontano da fenomeni antipatici. Con questo esortazione voglio ribadire la certezza che domenica sarà una giornata di festa. Inoltre chiedo ai tavernesi di accogliere con un forte applauso i tifosi, la società ed i calciatori delle Silana”. “Il calcio è gioco e divertimento – ha aggiunto il sacerdote – e si fonda su principi che devono favorire uguaglianza e giustizia”. Ha concluso le sue dichiarazioni con questa frase “Facciamo in modo che prevalga soltanto il rispetto, lo svago e il gioco di squadra e mi auguro che ci sarà rispetto tra giocatori in campo ma anche tra i tifosi fuori e vinca il migliore”.

Si associa all’appello del sacerdote il presidente Parrottino dichiarando: “Facciamo si che Taverna e S. Giovanni in Fiore due cittadine ricche di arte e cultura dimostrano sul terreno di gioco i fasti di civiltà del passato con Giocchino da Fiore e Mattia Preti. Dimostriamo sul campo entrambe le società e tifoserie il valore civile e culturale che ci accomuna”.

Amici della Silana siete i benvenuti a Taverna.