Sersale, Caliò:”Un’annata da incorniciare”

lunedì 11th, aprile 2016 / 20:00 Written by
Sersale, Caliò:”Un’annata da incorniciare”

di Lorenzo Fazio
Il sogno è diventato realtà. Il sogno di un paese. Il sogno di Marco Caliò. Il giovane centrocampista, alla corte di mister Renato Mancini, è diventato grande e con il suo goal decisivo sul campo della Reggiomediterranea ha praticamente consegnato la serie D all’A.S. Sersale. Una stagione straordinaria per i lupi giallorossi e per Caliò coronata non solo dalla vittoria del campionato di Eccellenza ma anche dalla vittoria della Coppa Italia nella finale del “D’Ippolito” contro il Sambiase. Adesso non resta che onorare al meglio l’ultima partita di campionato contro il Castrovillari, che sarà la vera festa del Sersale insieme al suo paese, e la Supercoppa Regionale che, in caso di vittoria, consegnerebbe nelle mani del Sersale una storica tripletta. Per Caliò una stagione fantastica, condita anche da alcune segnature importanti, che culminerà con il Torneo delle Regioni (che quest’anno avrà sede in Calabria) con la Rappresentativa Regionale Juniores di mister Andreoli, con cui ha già disputato la prima amichevole di preparazione in vista del torneo contro il Sambiase di mister Morelli.

Marco, i complimenti da parte di tutta la redazione di Catanzaro Dilettanti. C’è poco da dire sulla gara di domenica contro la Reggiomediterranea. Tuo goal decisivo e Sersale promosso in serie D. Raccontaci le tue emozioni.
E’ stata una grande emozione che non mi aspettavo fosse così bella e con un mio goal decisivo. Partita dopo partita, sacrifici dopo sacrifici hanno fatto in modo che il nostro sogno si realizzasse. Un ringraziamento particolare ai tifosi che ci hanno seguito in massa nella lunga trasferta di Croce Valanidi. Il merito va anche a loro per aver seguito questa fantastica squadra.

Sulla carta il Sersale doveva disputare un campionato tranquillo e, in un certo senso, si è ritrovare a emulare le gesta del Leicester City di Claudio Ranieri. Quando avete capito di poter veramente vincere il campionato? Qual’è stata la forza di questo gruppo?
Le somiglianze con il campionato del Leicester City di Claudio Ranieri ci stanno veramente a pennello. A inizio anno eravamo una squadra creata con l’obiettivo di una tranquilla salvezza ma soprattutto dopo il girone di andata, con la vittoria della Coppa Italia e una posizione di classifica superiore alle aspettative, abbiamo capito che potevamo puntare su questo gruppo. La forza di questo gruppo è la familiarità che ci ha unito sia dentro che fuori dal campo e ci ha portato a conseguire obiettivi incredibili. 

Un plauso sicuramente va a mister Mancini, vero traghettatore di questo Sersale. Il tuo rapporto col mister e quanto è stato importante per la tua crescita? E della società cosa ci dici?
Il mio rapporto con mister Mancini va oltre il semplice rapporto tra allenatore e calciatore. Mi ha insegnato come comportarmi in un campionato difficile come l’Eccellenza e ad esser calciatore anche fuori dal campo. Se ora sono qui a festeggiare la vittoria di grandi obiettivi gran parte del merito va soprattutto a lui che mi ha dato fiducia sin dallo scorso anno. La società si unisce tranquillamente alla famiglia che abbiamo creato tra i calciatori. Ci ha seguito giorno dopo giorno e partita dopo partita a incitare la squadra fino all’ultimo secondo, in particolar modo il presidente che ci ha messo cuore e impegno affinchè il Sersale diventasse una grande realtà.

Ora bisogna chiudere in bellezza. Domenica la sfida interna col Castrovillari che sarà la vostra festa e poi la Supercoppa Regionale. Per te anche l’impegno del Torneo delle Regioni con la Rappresentativa di Angelo Andreoli. Cosa ti aspetti da questo finale di stagione?
Posso dire che questa annata è stata da incorniciare e cercheremo di chiuderla in bellezza vincendo l’ultima gara interna con il Castrovillari e cercando di vincere il triangolare per la Supercoppa Regionale con le vincenti dei gironi di Promozione. La Rappresentativa è un’esperienza che ho già vissuto e che mi piacerebbe rivivere qui in Calabria, visto che il torneo si disputerà qui.

Catanzaro Dilettanti e il suo staff si complimenta con l’A.S. Sersale e con Marco Caliò per lo splendido obiettivo raggiunto e l’augurio di ripetersi per gli ultimi appuntamenti del finale di stagione.