Il San Pietro Apostolo si salva vincendo il derby, Paletta mattatore con tre reti

domenica 01st, maggio 2016 / 12:00 Written by
Il San Pietro Apostolo si salva vincendo il derby, Paletta mattatore con tre reti

palettaIl San Pietro Apostolo vince meritatamente il derby con il Due Mari Tiriolo per 3-1 grazie ad una tripletta dello scatenato Paletta e centra la salvezza, mandando di contro i cugini alla finale play out. San Pietro Apostolo che parte subito forte ed al 6′ va subito in goal con il solito Paletta trovatosi a tu per tu con Chiriaco, su assist di Maruca dalla sinistra. Il Tiriolo accusa il colpo subendo gli attacchi dei biancorossi con i vari Maruca, Paletta e Sacco. Al 23′ lancio dalla sinistra da parte del Tirolo, il pallone attraversa tutta l’area di rigore con De Sio che arriva da dietro sorprendendo tutta la retroguardia e insacca alle spalle del l’incolpevole Sirianni. La gioia degli ospiti dura, però, solo un minuto perché ancora Paletta su lancio di Sacco buca il numero 1 tiriolese con una mezza rovesciata. Al 40′ Maruca lanciato a rete viene atterrato in area ma l’arbitro lascia continuare. Il secondo tempo comincia sulla falsa riga del primo. Al 5′ entra Perri per Tomaino poi al minuto 8 Paletta lanciato a rete viene atterrato al limite dell’area, cartellino rosso per Capicotto che era stato già ammonito e sulla punizione conseguente Paletta mette la palla all’incrocio lasciando immobile il portiere e ipotecando la vittoria. Il Tirolo si butta in avanti sostituendo Marsico con Leuzzi e Puccio con De Palma. Al 25′ su un lancio dalla trequarti, De Palma segna ma l’arbitro annulla il goal per fuorigioco, sul capovolgimento di fronte Chiriaco manda in angolo una punizione di Sacco battuta da ottima posizione. Due minuti dopo entra Rotella ed esce Fazio che ha subito una ghiotta occasione per segnare il 4-1 ma non ci riesce. Al 32′ Paletta viene fermato di nuovo da Chiriaco ed al 34′ Ciambrone su calcio d’angolo salta più in alto di tutti ma la palla sfiora il palo. Il Tiriolo approfitta del momento di calo del S.P. Apostolo rendendosi pericoloso con De Sio e Leuzzi che però non concretizzano. L’ultimo acuto è di Gravino, ma Sirianni fa ancora buona guardia mandando la sfera in angolo. Finisce tra gli applausi dei circa 300 spettatori una partita tranquilla ma molto sentita vista la posta in palio. Il San Pietro Apostolo mantiene la categoria e può festeggiare la meritata salvezza.