Garibaldina, una vittoria che vale la… “Promozione”

lunedì 02nd, maggio 2016 / 12:30 Written by
Garibaldina, una vittoria che vale la… “Promozione”

festaLa Garibaldina anche l’anno prossimo giocherà nella Promozione Calabrese Girone A. Non per grazia ricevuta, ma con pieno merito, dove agli esami di riparazione si presenta con la migliore formazione possibile e fa sua la partita. Aveva un po’ messo in apprensione l’ambiente la possibile defezione di Sorrentino per problemi di salute ma alla fine “l’alfiere” era in campo e si è tirato un sospiro di sollievo. Partita iniziata con grossi ritmi e non poteva essere altrimenti visto che il risultato imponeva agli ospiti esclusivamente la vittoria. E il Soverato ha provato a pungere sin da subito con Santaguida e Sinopoli, ma la difesa è stata sempre attenta e non poteva essere altrimenti quando dietro ci sono Gallo, Muraca, Sorrentino, D’Acri e il Jolly Lepore. Ma tutto dura appena 9 minuti quando proprio Gallo, una delle sorprese di quest’anno in area per fermare Santaguida lo falcia e l’arbitro Monesi di Crotone gli contesta il rigore. A batterlo Corasaniti: tiro sulla destra di Sacco che ci arriva ma la palla è troppo forte. Sugli spalti c’è scoramento, ma il pubblico non smette mai di incitare i giallorossi che si proiettano in pregevoli azione offensive anche se il campo comincia a diventare una risaia per via della pioggia. Servono 24 minuti alla Garibaldina per portare il risultato in parità, quando Burgo con un diagonale fa secco Lombardo. La tensione a quel punti sia in campo che sugli spalti si allenta, ma non troppo: il pari consentirebbe al Soverato di giocare i supplementari e solo la parità dopo i 120 minuti consentirebbe alla Garibaldina di salvarsi. Serve la vittoria, e il campo diventa di “battaglia” nessuno dei 22 in campo si risparmia, si lotta su tutte le palle e il gioco è maschio, ma mai cattivo se non in alcune situazioni. Intanto si va al riposo. Il secondo tempo nei primi minuti vede una supremazia del Soverato, che dopo circa dieci minuti viene ristabilita in equivalenza, e dopo circa 15 minuti, in supremazia della Garibaldina, che paradossalmente gioca di prima, verticalizza e offre spunti notevoli. Da uno di questi al 23° nasce la seconda rete del folletto di Martirano, Kevin Burgo, oggi sugli scudi che con un tiro da fuori area, stile loop beffa Lombardo. Il match rimane teso, e la Garibaldina si riassesta arretrando alla bisogna centrocampisti e finanche Toscano. Ma non è un catenaccio poiché gli spazi per le ripartenze ci sono e vengono mese in atto. La più bella al 33° del secondo tempo quando dalla sinistra a seguito di una punizione in una mischia in area Luca Perri trova il tap in vincente e porta a tre le reti. Manca un quarto d’ora e si capisce subito che il Soverato non ha le forze per fare due reti è solo un fronzolo lasciato al cronometro dell’arbitro, poi arriva lentamente il 49° ed è la fine. La Garibaldina resta in Promozione e il Soverato retrocede in prima categoria. Per certi versi il Soverato non si è dimostrato peggio di altri team venuti qui a Soveria, ma oggi, forse ha incontrato una delle migliori Garibaldine della stagione e lo si è notato subito leggendo la formazione iniziale. Poi c’è stato spazio solo per la festa in campo e sugli spalti. Riteniamo doveroso ringraziare la dirigenza, i calciatori e il mister lanciato in aria dai suoi calciatori e questo la dice lunga. Poi infine, un ringraziamento speciali a quanti dei paesi limitrofi “Carlopoli, Pedivigliano, Decollatura, Bianchi, Colosimi, Tiriolo, Serrastretta, Parenti” vengono a vedersi le partite. In questo la Garibaldina più che rappresentare Soveria, rappresenta tutto il circondario, diventando la squadra del reventino e anche oltre. “A riveder le stelle” tanto per parafrasare Dante Alighieri, nella stagione 2016/2017.

Ufficio stampa Garibaldina 1959

Power by

Download Free AZ | Free Wordpress Themes