Chiaravalle, capitan Antonio Iozzo analizza la stagione appena conclusa

lunedì 16th, maggio 2016 / 13:00 Written by
Chiaravalle, capitan Antonio Iozzo analizza la stagione appena conclusa

A. IOZZOIn esclusiva per Catanzarodilettanti.it abbiamo chiesto ad Antonio Iozzo, capitano del Chiaravalle, un’analisi sulla stagione dei gialloneri che, dopo tanti patemi, sono riusciti a salvarsi grazie alla vittoria nel play out sul campo del Bivongi dove la squadra di mister Giuliano Roso ha dimostrato tutto il suo valore e la voglia di crederci fino alla fine.

Il risultato finale, quello della permanenza del campionato di Prima categoria calabrese girone C, è il giusto riconoscimento per un’intera città e per tutti i tifosi che venivano al comunale “Foresta”, ma soprattutto per un gruppo di lavoro, che ci ha creduto sino alla conclusione dei play out. Antonio Iozzo, si presenta così con i 20 gol stagionali all’attivo, realizzati per mantenere quel lumicino della speranza che stava a significare la salvezza. Anche se le soddisfazioni personali arrivano sempre dal collettivo. In primis, l’attaccante giallonero, parla di gruppo di giocatori che si sono rilevati “grandi”, quando si è trattato di stringere i denti. Poi il tecnico Giuliano Roso, un allenatore che ci ha creduto sino in fondo. “Certo qualcosa è mancato in questa stagione che si è conclusa da poco – ha ribadito il capitano Antonio Iozzoma mettere sotto accusa qualcuno mi sembra davvero fuori luogo. Quasi irriguardoso nei confronti di quanti domenicalmente eravamo sui vari campi della provincia di Catanzaro, Vibo Valentia e di Reggio Calabria”. Il presidente del club Massimo Bencivenni ha manifestato coraggio, sempre. In ogni circostanza. Certo potevamo fare meglio se alle spalle il gruppo fosse stato più solido. Ma si sa la dietrologia non aiuta nessuno. Figuriamoci poi, nel calcio. Con tutta sincerità, quali sono state le soddisfazioni anche personali e quali i rimpianti? “Innanzitutto parlerei di soddisfazioni. Pochi spiccioli impiegati, grandi risultati ottenuti. Eravamo partiti per un campionato tranquillo, qualche batticuore nel finale c’è stato. Vincere un play-out, contro un’ottima compagine, in un campo ostico come Bivongi non è semplice, ma credo che alla fine la voglia di vincere sia prevalsa sopra tutti gli schemi della settimana”. E’ valso per il classico “colpo di reni”, non solo del portiere Pasquale Procopio una vera e propria garanzia, ma anche per il resto del gruppo a cominciare dagli esperti come Alberto Fossella e Giuseppe Costantino, lo stesso Andrea Maida, ma questo solo per soddisfare l’appetito di voi cronisti. Io esalterei il gruppo dei “veterani” e dei tanti giovani, soprattutto del posto, che hanno dato l’anima in questo campionato. Alla fine sono loro il vero patrimonio di questo Chiaravalle, con delle basi solide per il prossimo anno. Un’ultima battuta. Il destino del capitano Antonio Iozzo? “Intanto vivo e lavoro nella mia città, quindi i colori gialloneri me li porto nel cuore. Non a parole, ma con i fatti. In questi tre anni consecutivi, da capitano, ricchi di presenze e reti posso ritenere di aver dato il massimo del mio contributo, avendo la consapevolezza che si può dare sempre di più. Il prossimo campionato è tutto un rebus più forte e con tanti derby. Serrese, Soverato, Montepaone, Chiaravalle, Badolato e Stalettì. Nel calcio nulla è definitivo e certo. Ci sono le componenti variabili da non sottovalutare”. Infine volevo ringraziare anche voi di Catanzarodilettanti.it, che con il vostro servizio, ogni domenica, ci fate sentire importanti. Grazie a voi noi siamo al corrente di quello che succede in tutti i campi.