La Pol. Isola C.R. è devastante, la capolista vola

martedì 13th, dicembre 2016 / 10:24 Written by
La Pol. Isola C.R. è devastante, la capolista vola

Straordinari. L’Isola si impone con un netto 0-4 in casa del Locri, sicuramente il campo più caldo di tutto il campionato di Eccellenza, un piccolo che poche squadre dilettantistiche In Italia possono vantare. Mostra i denti nella gara più difficile la squadra di Salerno, in tanti si aspettavano una debacle giallorossa, invece è arrivata una vittoria, non qualunque ma netta e devastante. Un segnale forte per chi insegue, un segnale che deve servire a svegliare gli stessi tifosi giallorossi. Questa è una squadra forte e costruita per vincere, bisogna seguirla, incitarla, riempire lo stadio. Locri deve servire da esempio, una città più piccola di Isola Capo Rizzuto ma uno stadio sempre gremito. E’ stata soprattutto la partita di capitan Scuteri, già protagonista la scorsa settimana contro la Paolana con una doppietta, stavolta addirittura si migliora realizzando una tripletta, la prima della sua carriera, e un assist, suo pane quotidiano. Un nuovo ruolo per lui, avanzato quasi sulla linea degli attaccanti, si sta rilevando devastante vicino la porta. Nei primi venti minuti la partita è molto equilibrata, il Locri prova a fare la partita senza chiudersi come spesso fanno le altre avversario quando incontrano l’Isola. Al 22′, però, l’Isola passa in vantaggio grazie ad un eurogol di Raffaele Corsale, Scuteri controlla il pallone al limite dell’area, tocco all’indietro per Corsale che di prima intenzione lascia partire un tiro preciso ed inaspettato che sorprende Caputo e si insacca sotto l’incrocio, 0-1. Poco dopo Scuteri incredibilmente la palla del 2-0 dopo un errore difensivo della retroguardia di casa. Al 34′ arriva il raddoppio, Piemontese si invola verso la porta, salta Benci, arriva a tu per tu con Caputo che lo stende in area, rigore ed ammonizione per il portiere, il bomber cedere in penalty a capitan Scuteri che con freddezza angola bene e batte Caputo. Passano appena quattro e l’Isola cala il tris: Punizione di Cordiano nella metà campo giallorossa, palla a Corsale che di petto appoggia all’indietro a Piemontese che a sua volta calcia al volo e libera Scuteri in area, diagonale preciso di controbalzo e palla in rete, 0-3. Isola devastante. Il Locri prova a riprendersi dallo scossone, spinto anche dagli inesauribili tifosi amaranto che continuano ad incitare la squadra. Al 42′ il giovane Ndreau, tra i migliori dei suoi, prova a sfondare ma trova il muro giallorosso. Nella ripresa è Iervasi a sfiorare il gol della bandiera con un tiro sotto misura che finisce di poco a lato. Al quarto d’ora le reti diventano quattro: Angotti serve Scuteri in profondità, corsa verso la porta del capitano e Caputo ancora battuto, 0-4. A questo punto la gara finisce, l’Isola si limita a controllare il match, poi sale in cattedra il grande fair play della tifoseria locale che prima riserva grandi applausi a Scuteri al momento del cambio, a fine partita, invece,  si alza in piedi per salutare tutta la squadra giallorossa. Onore al Locri e ai sui tifosi.

Marcatori: 22′ pt Corsale, 34′ (rig) e 38′ pt, 17′ st Scuteri.
Locri: Caputo, Benci, Pasqualino, Nesci (st 16′ Papaleo), Oliveri, Romeo, (st l’Carvelli), De Luca (st l’Artuso), Libri, Iervasi, Ndreu, Ricciardi. All.: Ferraro.
Isola Capo Rizzuto: Lamberti, Germinio, Stalin, Cordiano, Itri  (st 18′ Vallone), Artese, Trentinella (st 25′ Zangaro), Tricarico, Piemontese (pt 40″ Angotti), Corsale, Scuteri. All.: Salerno.
Arbitro: Calzavara di Varese.

Uff. stampa Pol. Isola C.R.