Campionato UISP, la voce dei protagonisti

martedì 27th, dicembre 2016 / 10:15 Written by
Campionato UISP, la voce dei protagonisti

Questa settimana per la rubrica delle interviste ai calciatori e dirigenti del campionato amatori UISP, è con noi mister Andreas Proto della Fiorentina 10 Bis. (In foto copertina mister Proto ed il patron Pipicelli)

MISTER COSA SIGNIFICA ALLENARE LA FIORENTINA 10 BIS E QUALI SONO LE AMBIZIONI PER UNA SQUADRA CHE HA ALZATO LA COPPA REGIONALE PER BEN QUATTRO VOLTE?
Sicuramente è un impegno non facile. Il compito è sicuramente facilitato dal fatto che sia la squadra, sia la società sono composte da persone veramente valide sotto tutti i punti di vista, per cui rendono meno “gravoso” l’onere di allenare. L’ambizione è quella di arrivare il più in alto possibile considerando che il campionato è molto avvincente ed equilibrato.

IL SUO RAPPORTO CON I GIOCATORI E CON IL PATRON PIPICELLI FRANCO COME LO VIVE?
Serenamente in quanto aldilà del rapporto calcistico c’è un affetto fraterno e sincero con il Patron; con i giocatori della rosa, nessuno escluso, c’è un rapporto schietto, sono certo che hanno in mente il ruolo difficile di “Mr.” dando per inteso che la correttezza e il rispetto reciproco sia alla base del percorso calcistico che andiamo ad affrontare ogni stagione e aggiungo il piacere di stare insieme aldilà se uno gioca di più o di meno.

IL CAMPIONATO UISP AD OGGI COSA LE SEMBRA COME ORGANIZZAZIONE E COME ENTE ORGANIZZATIVO?
Mi ha colpito in senso positivo la vicinanza che si riscontra tra le società partecipanti e l’ente organizzativo, accettare il confronto. Ho la sensazione che ci sentiamo tutti coinvolti nel progetto UISP e penso sia importante che aldilà del risultato ci sia la conoscenza di altre persone da cui possa nascere stima e amicizia.

TRA LE SQUADRE CHE AD OGGI HA AFFRONTATO, QUALE SECONDO LEI SI POTREBBE CONTENDERE LA VITTORIA FINALE, NATURALMENTE OLTRE ALLA SUA SQUADRA?
Premesso che il campionato è ancora lungo, dobbiamo ancora incontrare la seconda e terza in classifica, penso che alla fine a contendersi il primato siano le squadre che attualmente stazionano in queste tre posizioni. Tra le squadre affrontate, il Real Filadelfia e il Pianopoli sono due compagini forti che potrebbero inserirsi nella lotta, dunque un campionato avvincente.

IL 2016 LO CHIUDE IN TESTA ALLA CLASSIFICA ED E’ SICURAMENTE UNA BELLA SODDISFAZIONE, HA QUALCHE RAMMARICO PER QUALCHE GIOCATORE CHE NON FA PIU’ PARTE DELLA ROSA?
Chiudere in testa il 2016 è sicuramente positivo ed incoraggiante, ci dà l’obbligo di ripartire con uno spirito e motivazioni maggiori visto che bisogna confermare la posizione fino alla fine, coscienti del fatto che le pretendenti faranno di tutto per ribaltare il risultato finale, come giusto che sia. La scelta di far parte del gruppo è sempre ponderata in base agli impegni personali di ogni componente, il rammarico è comprensibile nel caso in cui motivi personali impediscono la presenza in gruppo, poi è normale che se un giocatore senta il bisogno di giocare di più di essere più partecipe di quanto lo sia da noi, la scelta va sicuramente accettata.

COSA LA SPINGE IL SABATO POMERIGGIO A SCENDERE IN CAMPO E DURANTE LA SETTIMANA ALLENARE IL SUO GRUPPO?
In primis la passione per questo sport, che a prescindere dalla categoria in cui si gioca, sia alla base delle motivazioni e dei sacrifici che affrontiamo settimanalmente per preparare le gare, poi la voglia e il desiderio di stare insieme, il divertimento che non deve mancare mai.

UNA DELLE PARTITE PIU’ BELLE CHE RICORDA IN QUESTI ANNI E PERCHE’?
La gara sul campo del Girifalco, che fu crocevia del risultato finale del campionato che ci portò alla conquista della finale regionale. Ribaltammo il risultato nel finale con due reti del sottoscritto, forse per questo il Patron mi ha affidato la guida della squadra…per riconoscenza.

NEL MERCATO DI DICEMBRE COSA CHIEDE AL PATRON PIPICELLI, QUALCHE INNESTO O LA ROSA VA BENE COSI’?
Più che al Patron la chiedo alla dea bendata; sarei veramente felice di poter contare su tutti gli elementi, visto che non è stato possibile fino ad oggi, tranne qualche gara, tra infortuni e impegni di lavoro, per cui penso che i migliori acquisti possibili siano già in casa.

QUALE MESSAGGIO VUOLE INVIARE ALLA SUA SOCIETA’ E ALLE SQUADRE DEL SUO GIRONE?
Visto che siamo in periodo Natalizio, il messaggio che mi sento di inviare è quello di un Sereno Natale a tutti, includendo anche gli organizzatori del torneo UISP, arbitri compresi, che tanto si adoperano affinchè lo spirito Amatoriale sia alla base del loro e nostro gioco.

GRAZIE MILLE PER L’INTERVISTA E LA SUA GENTILE DISPONIBILITA’
Grazie a voi.