La Nuova Rogliano tenta la fuga

lunedì 13th, febbraio 2017 / 10:00 Written by
La Nuova Rogliano tenta la fuga

Per capire l’importanza che rivestiva la partita di oggi bastava dare uno sguardo alla classifica prima del fischio d’inizio. I roglianesi infatti affrontavano da capolista la Fortitudo Lamezia, seconda forza del campionato, che in effetti confermava in pieno sul campo di meritare le posizioni di alta classifica.
Il primo tempo faceva registrare una partenza aggressiva dei lametini, piuttosto decisi nell’impugnare la sciabola, arma opportuna sul difficile terreno del “Provenzano”, a differenza dei rossoneri che optavano invece per il fioretto. Scelta questa che rischiava di scombussolare i piani di mister Maletta, già dall’inizio contrario all’uso dell’arma leggera. I ragazzi della Fortitudo infatti in almeno un paio di occasioni si rendevano pericolosi, sbagliando l’ultimo passaggio, e colpivano quindi la traversa su colpo di testa deviato dal portiere Principe. I rossoneri pian piano iniziavano ad affrontare la gara col giusto “animus pugnandi”, e si rendevano prima pericolosissimi grazie a una conclusione di Garofalo ben sventata dal bravo estremo lametino Raso, quindi passavano in vantaggio a pochi minuti dalla fine del tempo grazie a un autogol su un cross insidioso.
Poco prima dello scadere del tempo si faceva registrare forse il più bel gesto atletico della giornata, quando Principe sventava in angolo con un gran colpo di reni un colpo di testa da distanza ravvicinata.
Nel secondo tempo le due squadre si affrontavano ancora più consapevoli dell’importanza della posta in palio, con i toni che si inasprivano, rimanendo comunque nei limiti della correttezza da ambo le parti. Erano prima i lametini a rendersi estremamente pericolosi con una conclusione dell’ottimo Pileggi, giocatore palesemente di categoria superiore, che colpiva la traversa interna. Quindi era Garofalo, probabilmente stanco per la gran mole di lavoro svolta anche oggi, a dilapidare una doppia occasione nella stessa azione, a tu per tu col portiere.
La partita sfilava via con i locali sempre più arrembanti ma poco lucidi nel rendersi ulteriormente pericolosi, e i rossoneri che agendo di rimessa non sfruttavano per imprecisione sull’ultimo passaggio un paio di occasioni.

Nuova Rogliano:
Principe, Flavio(Convertini), Carpino R., Cozza, Carpino C., Arcuri, Iorno(Zumpano), Bernaudo, Tucci, Garofalo, Romano. All. Maletta

Uff. stampa ASD Nuova Rogliano