Il punto sul campionato di Seconda Categoria

mercoledì 22nd, febbraio 2017 / 12:35 Written by
Il punto sul campionato di Seconda Categoria

Si sono giocate nel weekend le gare valevoli per la sedicesima giornata del campionato di Seconda Categoria. Nel girone C la fanno da padrona le squadre del crotonese con le Stelle Azzurre in testa e la coppia Verzino – Belvedere Spinello ad inseguire. Due Mari Tiriolo, ennesimo forfait. Gruppo D movimentato con Nuova Valle che non si presenta e Caraffa che gioca solo un tempo a Campora. La capolista Pianopoli espugna Gizzeria, eliminando il R. Mortilla dalla lotta al primato. Nel girone del vibonese, il Tropea conquista la vetta solitaria sfruttando il pari interno del Rosarno contro la Koa Bosco. Ancora una gara sospesa per aggressione, Libertas Curinga che pagherà l’ira del proprio calciatore con la sconfitta a tavolino.

Selfie vittoria Verzino

Selfie vittoria Verzino

Girone C
Nell’anticipo del sabato la capolista Stelle Azzurre rischia la prima sconfitta sul campo di una buonissima Kennedy, ottimamente schierata e diretta da mister Folino. I catanzaresi vanno avanti con la rete del bomber Silvano su calcio di punizione, ma vengono raggiunti in pieno recupero dal sempreverde De Roberto, nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione di Tiano. Senza alcun dubbio, il protagonista dell’incontro è stato il portiere dei silani Bertè, autore di interventi determinanti ai fini del risultato. Altra gara importante era di scena a Verzino, dove i padroni di casa ha vinto nettamente sul Cerva, appropriandosi della seconda piazza della graduatoria. La squadra di Arcuri trova il vantaggio già al quarto minuto con Liperoti che sfrutta un calcio piazzato ottimamente pennellato da Turano. Il raddoppio arriva alla mezzora della ripresa grazie ad una meravigliosa azione personale di Mario Balsamo. Il terzino savellese parte dalla propria trequarti, si libera di un paio di avversari, triangola con Bevilacqua e con un siluro infila Sacco. Infine, ad un minuto dal triplice fischio, ben servito da Marino, Iocca firma il tris. Il Belvedere Spinello del presidente Procopio si guadagna i galloni della terza piazza battendo, in rimonta, il Cotronei. Gli ospiti, guidati da Ceraudo, trovano il vantaggio al dodicesimo con Garrubba, che di testa mette dentro sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Alla mezzora arriva il pari dei padroni di casa con Cortese. Nella ripresa ci pensa il neo arrivato Regalino a ribaltare il parziale, poi chiuso da una prodezza balistica di Oliverio che calcia magnificamente un calcio di punizione dai venticinque metri. Terza sconfitta consecutiva per gli ospiti che incredibilemente, al momento, sarebbero fuori dalla griglia play off. A metà classifica si assesta il Marcellinara che, senza faticare, conquista tre punti per l’assenza sul terreno di gioco di quel Due Mari Tiriolo ormai spacciato e destinato ad una inesorabile retrocessione. In chiave salvezza, importantissima affermazione casalinga della Crucolese che batte il Pallagorio con il più classico dei risultati mettendosi in posizione favorevole per disputare un eventuale spareggio play out. Manno e capitan Carmine Amantea regolano la squadra di Bonanno che viene superata in classifica di due lunghezze. In coda, pirotecnico pari nel derby presilano tra il redivivo Zagarise e la Pol. Albi. Per due volte in vantaggio di due reti (0-2, 1-3) gli ospiti si fanno rimontare dall’ultima della classe che, con orgoglio riequilibra l’incontro. Pol. Albi in vantaggio con Daniele Amelio al terzo minuto, il raddoppio è del bomber Piccolo al tredicesimo su calcio di rigore. Gara in discesa? No, lo Zagarise accorcia al trentasettesimo con Prudente, per poi subire ancora la seconda rete di Piccoli prima del riposo. Nella ripresa Morrone riporta i suoi a distanza accorciando all’ottavo minuto e poi pareggiando a tre minuti dalla fine. Punto che fa certamente morale per i padroni di casa, salvezza che resta un miraggio.

Selfie vittoria Pianopoli

Selfie vittoria Pianopoli

Girone D
Girone catanzarese abbastanza movimentato in questo weekend calcistico, la Nuova Valle non si presenta a Parenti sancendo l’innalzarsi della bandiera bianca e la gara di Campora tra i locali ed il Caraffa viene sospesa nell’intervallo per il rifiuto degli ospiti a proseguire, causa il mantenimento della propria incolumità. Per diritto di cronaca, e ci limiteremo solo a quello, il Campora si trovava in vantaggio di due reti grazia a Grandinetti e Cicero che trasformava un calcio di rigore contestatissimo. In testa un Pianopoli forte, compatto e cinico espugna il campo dell’inseguitrice Real Mortilla, estromettendola definitivamente dalla lotta al salto diretto di categoria. La rete nella ripresa di Azeddine Kabli vale un successo d’oro per i ragazzi di mister Scerbo ormai lanciatissimi verso la vittoria finale. L’unica rivale rimasta in corsa sembra essere l’Euro Girifalco che rifila un pokerissimo al San Pietro Apostolo rimanendo a sei lunghezze di distacco. La tripletta di Quirino e le reti di Leo Conidi e Palaia sono il termometro dell’intenzione della squadra di Giampà di lottare fino all’ultimo frangente disponibile. Serve solo per le statistiche la rete di Nisticò per i ragazzi di mister Cittadino, superati da un avversario che ha tanta fame di tornare in una categoria persa la scorsa stagione. Balzo quasi decisivo in chiave salvezza per l’Amaroni di mister Max Cossari che regola la Polisportiva Belmonte sfruttando la giornata positiva di Olivadoti, a segno con una doppietta. Malaspina il marcatore dei tirrenici, che restano in penultima piazza con dodici punti ormai quasi certi di dover disputare la coda degli spareggi. A quota ventidue, al pari dell’Amaroni, c’è anche l’Isca per cui il discorso è praticamente uguale. Nell’anticipo di sabato i giallorossi superano 2-0 la Bussolavis Girifalco con le reti di Martelli e Mirarchi regalandosi una posizione di assoluta tranquillità che lascia guardare al futuro senza troppe pressioni. Senza sudare, conquista tre punti preziosi anche il Parenti che, sfruttando l’assenza della Nuova Valle, intasca un successo prezioso in vista del rush finale.

Tropea capolista solitaria

Tropea capolista solitaria

Girone E
Anche nel girone del vibonese dobbiamo partire, nostro malgrado, da un episodio assolutamente da censurare. A Fabrizia, durante la gara Allarese-L. Curinga, il direttore di gara è stato costretto a mandare tutti anzitempo sotto la doccia per un parapiglia scoppiato a causa di un espulsione di un calciatore ospite sul risultato di 3-0 per la squadra di casa. In testa, il Tropea di mister Giuseppe Barbieri espugna Jacurso e vola solitario al comando. Succede tutto nella prima frazione con Saturno al quindicesimo e Contartese al venticinquesimo che portano gli ospiti sul doppio vantaggio, prima del riposo è Trovato ad accorciare le distanze su calcio di rigore. Nella ripresa non cambierà più il parziale ed i tirrenici festeggiano l’ennesimo successo stagionale che vale la vetta. Altro mezzo passo falso del Rosarno che non va oltre il pari interno con la Koa Bosco, dovendo abdicare in vetta. Gli ospiti, avanti con Cheik, sfiorano addirittura il colpo grosso ma, al novantesimo, è Galati a realizzare la rete del pari trasformando un calcio di rigore con assoluta freddezza. Il Parghelia trasformato da mister Addolorato aggancia la seconda posizione vincendo anche sul campo del fanalino di coda Vazzanese. Russo apre le danze dopo un quarto d’ora, il raddoppio è di Staropoli al ventitreesimo minuto di gioco. Cinque minuti prima del riposo è Ferro a chiudere virtualmente la contesa. Il Parghelia, però, non è sazio e nella ripresa aumenta i gol a proprio favore con Diallo dopo otto minuto e chiude il discorso con Ebrima a dieci minuti dal triplice fischio finale. Incredibile affermazione dell’Antonimina che, con una rimonta prodigiosa batte il Saint Michel rafforzando la quarta piazza. Succede tutto nella seconda frazione con Alampi al cinquantesimo e Russo all’ottantesimo che portano gli ospiti sul rassicurante doppio vantaggio. Nei dieci finali, però, succede di tutto con Martelli due volte e Monteleone che regalano alla squadra di casa una clamorosa vittoria, agevolata anche da un arbitraggio contestato che ha anche ridotto il S. Michel in dieci uomini nella parte finale. In coda, fondamentale successo dell’Acconia Spartans che, dopo aver pareggiato il recupero settimanale sul campo dell’Allarese grazie alla tripletta di Franzè, batte anche un Napitia in crisi con il minimo scarto grazie alla marcatura dello stesso giocatore degli spartani, in evidente stato di grazia. Acconia che tocca quota quindici punti, segue a due di distacco l’Allarese che, verosimilmente, avrà i tre punti a tavolino per la gara sospesa contro la Libertas Curinga in attesa anche di recuperare la gara con il Rosarno. Al pari di Jacurso-Koa Bosco, le due gare si recupereranno nel prossimo fine settimana, quando la Seconda Categoria osserverà un turno di riposo.

Power by

Download Free AZ | Free Wordpress Themes