Tutti vogliono viaggiare in PRIMA, l’ASD Rosarno lo ha meritato sul campo!

lunedì 10th, aprile 2017 / 11:00 Written by
Tutti vogliono viaggiare in PRIMA, l’ASD Rosarno lo ha meritato sul campo!

Manca un solo turno al termine del campionato ma, l’ASD Rosarno calcio ha già ottenuto il meritato salto di categoria. Una vittoria fortemente voluta e perseguita con grande tenacia dai ragazzi del presidente Massimo Capria. Quindici successi in ventuno incontri, cinque pari ed una sola sconfitta (1-0 sul campo del Tropea), miglior attacco con cinquantadue reti fatte e miglior difesa con sole sedici reti subite da un Bonarrigo in versione spider man. Non bastassero i numeri appena citati, anche nel singolo i medmei primeggiano con Vincenzo Gallo, Oppedisano e Megna in lizza per giocarsi il titolo di capocannoniere, dove attualmente hanno messo a segno rispettivamente tredici, dodici e dieci reti.
Non appena la matematica ha reso ufficiale il primo posto e la conseguente promozione al campionato superiore di Prima Categoria, abbiamo ritenuto opportuno sentire alcuni dei protagonisti di questa cavalcata trionfale. Sul nostro taccuino si sono piacevolmente avvicendati capitan Vincenzo Catalano, la società con il presidente Capria in testa ed ultimo, ma solo in ordine cronologico, mister Vincenzo Collia.

Vincenzo Catalano, capitano ASD Rosarno: “Da capitano mi sento onorato di aver potuto fare parte di questo grandissimo gruppo. Per prima cosa, ringrazio il presidente con tutti i dirigenti che sono riusciti a non farci mancare nulla, il merito è soprattutto il loro se siamo riusciti a vincere questo campionato. Poi, un grande ringraziamento va a tutti i miei compagni che prima di essere una squadra, sono diventati una splendida famiglia che ha sudato e lottato ogni partita fino alla fine ed infine, ringrazio il Mister che con grande esperienza è riuscito a trasmettere la serenità e la fiducia a tutto il gruppo per affrontare nei migliori modi ogni partita”.

Pensiero Società ASD Rosarno: “Un progetto nato due anni fa così per gioco, quando la voglia di fare qualcosa di buono per la città si incontrava con la passione per il calcio. Nasce così l’Asd Rosarno calcio. Con quali obiettivi? Il principale è quello di far riscoprire ai cittadini rosarnesi la bellezza di trascorrere le domeniche all’insegna dello sport avendo la possibilità di tifare per la propria squadra. Dove può arrivare questa società senza esperienza? Questa era la classica domanda che si ponevano i più scettici. Ora crediamo di poter dare loro la risposta più corretta coi risultati alla mano. Questa società vuole arrivare dove la passione riuscirà a portarla. Essere riusciti a riportare allo stadio più di 300 persone e tanti bambini è solo motivo di orgoglio. È un’emozione unica vedere decine di bambini gioire e tifare entusiasti per la loro squadra. Sentire dalle voci loro il nome della squadra, la nostra, che riporta tra l’altro quello della città, è un qualcosa di unico. Siamo stati anche noi bambini e rivive in noi il ricordo di quando eravamo al posto loro. Non vedevamo l’ora che arrivasse la domenica pomeriggio per andare a vedere il Rosarno che giocava al campo sportivo. Pensare che oggi quei bambini sognatori sono gli artefici di questa nuova realtà non può che inorgorglirci. Ma non vogliamo merito alcuno. Perché lo facciamo solo per passione e per nessun altro scopo. I meriti li vogliamo riconoscere ai giocatori, al mister ed allo staff tecnico. Abbiamo chiesto loro tanto. Domeniche intere rubate alle loro famiglie; cene consumate in solitudine per via dell’orario di ritorno dagli allenamenti; cambi di turno sul lavoro. E questo per nulla in cambio se non per aver dato loro la possibilità di far parte di uno splendido gruppo, sempre unito verso un’unica direzione. Grazie ragazzi e grazie alle vostre mogli ed alle vostre famiglie per la pazienza avuta.  Infine, ma non per ultimo, il nostro ringraziamento va agli sponsor. Al giorno d’oggi è difficile trovare qualcuno che possa darti un contributo economico. I nostri sostenitori invece hanno creduto in noi dimostrandoci vicinanza ed appoggio in varie occasioni. Grazie a loro abbiamo avuto un kit abbigliamento da serie A. Grazie a loro siamo andati in trasferta in bus. Grazie a loro ci ritrovavamo in ritiro e pranzavamo insieme prima di affrontare le partite. Grazie a loro non ci è mancato nulla. Per una 2^ categoria si tratta di veri e propri lussi. Insomma, una macchina perfetta, che oggi sta richiamando l’interessamento di tante persone, anche quelle che non credevano in noi. Grazie a tutti. Godiamoci queste meritate soddisfazioni. Ed ora tutti insieme festeggiamo questa magnifica stagione conclusa con la vittoria del campionato. Forza asd Rosarno calcio”.
Vincenzo Collia, allenatore ASD Rosarno: “Arrivavo da un momento particolare della mia carriera calcistica, avendo deciso di abbandonare; quando sono stato contattato dalla dirigenza, vedendo l’entusiasmo, la solidità e la prospettiva del progetto di cui mi avevano chiesto di far parte, non ho avuto più dubbi. Conoscevo e avevo già allenato molti di loro e sapevo che si sarebbero impegnati e avrebbero dato tutto per la loro squadra, ma non pensavo fino a questo punto. Sono stati dei ragazzi davvero eccezionali, si sono sempre allenati con forza e passione creando un gruppo formidabile. Ci tengo a fare solo un nome per tutti cioè quello di Salvatore Zangari, non solo è stato un componente attivo in campo, ma anche un valido aiuto in panchina”.
I protagonisti dell’ASD Rosarno calcio: Ceravolo, Arruzzolo, Zangari, Galati, Marafioti, Ungaro, Megna, Oppedisano, Tortora, Zungri, Ravalli, Frisina, Gallo, Zappia, Ocello, C. Collia, Gioffrè, Catalano, Bonarrigo, Messina.
Presidente: Massimo Capria; Dirigenti: Colace, Donato, Ciricosta; Allenatore V. Collia; Allenatore in 2° Scattarreggia.